La Cornovaglia rappresenta una meta fantastica per ogni viaggiatore che ami i paesaggi mozzafiato e la forza della natura, oltre alle leggende e i miti che si sono susseguiti nella storia.

Dove si trova la Cornovaglia e come raggiungerla

Potete raggiungere la Cornovaglia volando comodamente su Londra o Bristol con le compagnie low-cost.

Da Londra avete tre possibilità: noleggiare un’auto o viaggiare con i mezzi pubblici (autobus o treno) fino a Pezance, da cui partono le linee secondarie o gli autobus e locali per spostarsi tra le cittadine della regione.

Altrimenti potete prendere un secondo volo low cost con la compagnia Flybe che vi condurrà all’aeroporto di Newquay.

Da Bristol, le opzioni sono più o meno le stesse, tranne per l’aereo, che da questa città non è disponibile.

Dipende quindi dal vostro itinerario. Se volete godervi la costa e non “saltare” subito fino a Newquay, auto o bus sono le soluzioni migliori. Anche se i mezzi pubblici prevedono tempi un po’ più dilatati.

Il clima della Cornovaglia

La Cornovaglia ha il clima più mite e soleggiato del Regno Unito, grazie all’influenza della Corrente del Golfo. Il periodo migliore per visitarla, rimane comunque l’estate, nonostante l’oceano renda il meteo molto variabile.

Dieci giorni sono l’ideale per esplorare la Cornovaglia. Potete scegliere un’unica base dove pernottare e raggiungere le tappe di giorno in giorno, ma conviene individuare due punti d’appoggio, uno nella zona meridionale e uno in quella settentrionale per guidare il meno possibile. Nonostante le distanze siano brevi, spesso le strade sono tortuose.

Scegliere il proprio itinerario in Cornovaglia

La Cornovaglia è una contea inglese posta nella zona sud-occidentale della Gran Bretagna ed è una delle cosiddette nazioni celtiche, le cui storie, a metà tra mito e leggenda, sopravvivono in castelli e fortezze.

Situata all’estremità dell’omonima, lunga e vasta penisola, che si protende verso l’Atlantico, la Penisola della Cornovaglia comprende anche l’intera contea del Devon ed una buona parte di quella di Somerset.

È un’isola nell’isola. La punta estrema di un mondo che se non esiste più, sta sicuramente perdendo piano piano le sue antiche tradizioni.

Circondata dall’Oceano Atlantico, è esposta ai venti e alla forza delle acque, che le donano uno spirito selvaggio e misterioso fatto di luce abbagliante, spiagge dorate, alte scogliere sui cui si infrangono onde schiumose, pascoli dal manto erboso.

La costa nord è il punto dove queste caratteristiche sono più evidenti. Qui, infatti, alte scogliere a picco sul mare, le famose High Cliff, che raggiungo il picco più alto, 223 m, tra Boscastle e San Gennys, si alternano a tratti di sabbia fine che formano lunghissime spiagge.

La costa meridionale della Cornovaglia, più protetta dalle correnti oceaniche, ha visto nascere e svilupparsi numerosi porti grandi o piccoli, come quelli di Falmouth, Fowey, Looe e Polperro. Le spiagge, in questa parte della penisola, sono costituite da sabbia grossolana e ghiaia, intervallate da tratti rocciosi.

Ovunque andiate, comunque, il paesaggio ricorda il passaggio di antiche popolazioni e i tanti castelli e manieri circondati da giardini fioriti, colline e scogliere vi riportano indietro di millenni.

L’Unesco ha inserito ben dieci siti della Cornovaglia all’interno dei Patrimoni dell’Umanità.

Uno di questi è il Castello di Tintagel (oggi Trevena) famoso in quanto, secondo la leggenda, ci visse Re Artù. È un luogo magico, e ad esso sono legate tutte le leggende riguardanti i cavalieri della Tavola rotonda che hanno fatto fantasticare ognuno di noi. La costa intorno a Tintagel, poi, è composta da ardesia devoniana che fa colorare di verde-turchese il litorale e le acque, specialmente nel periodo caldo.

In Cornovaglia troverete anche una ricca e vivace tradizione di musica popolare insieme a manifestazioni ed eventi folkloristici quali i Mummers Plays, il Furry Dance a Helston e l’Obby Oss a Padstow.

Una delle tappe del mio viaggio sulla costa settentrionale, mi ha portato a Newquay: rinomata cittadina balneare, meta di surfisti che si danno appuntamento per cavalcare le onde dell’Oceano.

Questa peculiarità ha fatto sì che si formassero numerosi eventi intorno a questo paese.

Newquay ospita anche il Boardmasters Festival, un evento annuale che di solito si svolge a metà agosto e consiste in una combinazione di musica dal vivo e gare di surf, bmx e skate. Il festival risale al 1981 e raduna circa 50.000 persone.

La maggior parte degli spettacoli musicali si svolge a nord di Newquay vicino a Watergate Bay. È incredibile vedere la quantità di tende da campeggio che vengono posizionate dai partecipanti al festival e che si estendono a perdita d’occhio nei dintorni dei palchi e degli spazi dedicati alla musica.

La competizione di surf Men’s Pro 5 Star WQS si svolge invece a Fistral Beach, dove viene costruita una rampa per le gare di BMX e Skateboard. Evoluzioni da togliere il fiato!

Parte della bellezza del viaggio è proprio prendersi il tempo di viversi la Cornovaglia senza fretta e magari senza meta: scoprirete angoli bellissimi e indimenticabili.

 

Ecco il foto-album di Stonehenge (agosto 2017)